Procura CNU

punto 1: DISCLAIMER SU GIUSTA CONDOTTA E RESPONSABILITA’: Il documento identificativo rilasciato dalla Confederazione O QUALSIASI ALTRO DISTINTIVO DELLA CONFEDERAZIONE non implica in alcun modo o caso la responsabilità diretta o indiretta di questa e dei suoi Confederati in ogni qualsiasi e qualsivoglia uso improprio ma rimanda “integralmente”, al Confederato proprietario del documento in quanto Trustee del suo STATO, la condotta diretta e l’uso di questo nelle proprie relazioni estere. Tale documento identificativo è stato istituito, redatto, distribuito e notificato al fine di permettere ad Istituzioni, Enti, Stati e/o Governi di acquisire con più facilità le posizioni di coloro che hanno rivendicato l’autodeterminazione dei popoli, secondo i Trattati ratificati all’ONU. La Confederazione dal suo canto, oltre ad impegnarsi su quanto da statuto emanato con fini di alto scopo umanitario, aiuta i propri Stati Confederati ad acquisire le giuste conoscenze e competenze per meglio interagire con Altre amministrazioni a livello internazionale. Siano esse di tipo umanitario, sia commerciale.

————————–

punto 2: Vetture e mezzi di locomozione dei Confederati

I mezzi di locomozione dei Confederati, fermo restando le responsabilità al punto 1, sono contraddistinte dai loghi Internazionali di cui:

Ovale 150mmx 190mm riportante:

  • logo confederazione, acronimo CNU, sigla internazionale del territorio ove è stata immatricolata,
  • nella parte destra della targa è riportato apposito rettangolo azzurro con: logo confederazione, Qr-Code riportante alla pagina della Procura CNU al fine di richiedere i dovuti accertamenti, la sigla CC in quanto il Confederato, avendo rivendicato l’autodeterminazione dei popoli “non è soggetto imponibile” ma tutelato in diritto internazionale ed avendo scelto la giurisdizione di Jersey come amministrazione con regolari atti di notorietà, il Trustee è da considerarsi secondo il Diritto Internazionele Agente Diplomatico del proprio TRUST e/o dell’Ente Extraterritoriale per il quale è richiesta la sua Amministrazione.

————————–

Al fine di ricevere informazioni sulla validità dei Documenti, rilasciati dalla Confederazione ai propri Confederati e resi pubblici con dichiarazione sostitutiva di atto notorio a tutte le ambasciate dei paesi firmatari del Trattato dell’Aja si prega di scrivere a:

Procura – mail: prosecutorsoffice@u-hn.org

Nella mail di richiesta è obbligatorio il nome e cognome del responsabile del procedimento di accertamento con richiesta in carta intestata firmata digitalmente

Ambasciatori di Pace permanenti sul suolo Italico, In riferimento alla Risoluzione. O.N.U. 53/144 dell 1999


Al Soggetto controllante è fatto obbligo di controllare il Reale ed effettivo Status del Confederato a mezzo:

  • Dichiarazione Sostitutiva Atto Notorio avente le apostile internazionali da parte della Procura Italiana
  • Documento identificativo della Confederazione o dimostrazione di accesso tramite login (clicca qui) all’area riservata che ne comprovi l’Effettiva appartenenza

DIFFIDA ALLE VIOLAZIONI DI STATUS DIPLOMATICO

                                                                  

  In ottemperanza degli obblighi giuridici esistenti in diritto internazionale

 

Sottoscritto da persone umane essenti viventi, maggiorenni con capacità di agire in diritto ex art. 38 e 47 D.P.R. 28.12.2000, n. 445

DA PRODURRE AGLI ORGANI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE O A GESTORI DI SERVIZI PUBBLICI E PRIVATI

                  **ATTO ESTERO PRODUCIBILE IN GIUDIZIO NELLE CORTI INTERNAZIONALI**

 

Nell’esercizio delle proprie funzioni di alto scopo umanitario, ogni Confederato di questa Organizzazione Intergovernativa, quale “utente non soggetto” di Stato Altro, in quanto Individuo dotato di qualità di Legale Rappresentante, di personalità e di capacità di agire giuridica (ex Art.16 P.IV L.881/1977), di essere Trustee ovvero Amministratore Fiduciario Unico e in forma esclusiva dei Titoli afferenti individuati nel Nome indicato da Prenome beneficiario di STATO Cognome (ex Art 6-7-9 C.C.) e delle FINZIONI, ENTITÀ, PERSONE  GIURIDICHE ovvero delle POSIZIONI GIURIDICHE SOGGETTIVE, ovvero dei CENTRI DI IMPUTAZIONE GIURIDICA  segregati in TRUST di alto scopo umanitario, come da documentazione reperibile presso la nostra Anagrafe


E’ ESENTATO DALLA PRESENTAZIONE DI QUALUNQUE E QUALSIVOGLIA DOCUMENTO CHE NE LIMITI LA LIBERTA’ nel rispetto dei Diritti Internazionali


ARTICOLI DI DIRITTO INTERNAZIONALE E DISPOSIZIONI DI LEGGE ITALIANE a titolo di esempio e parziali

ARTICOLI DI BASE alle violazioni IN DIRITTO INTERNAZIONALE

art.54 Costituzione Italiana – mancato adempimento ai doveri verso la Costituzione Italiana con Onore

art.13 Costituzione Italiana – Violazione della Liberta Personale (segregata in Trust)

art.76 parte terza della L.881/77 Ratifica del Trattato dell’Aja

art. 74 D.P.R. L.445/2000 Privacy e Legale Rappresentanza

art. 15 L. 183/2011 e Vs. art. 15 Comma 2 L. 59/1997: “Obbligo dei gestori di pubblici servizi ad acquisire d’ufficio le informazioni oggetto delle dichiarazioni sostitutive

Art. 328 C.P. Rifiuto di atti d’ufficio da parte di forze dell’ordine o Enti Statali

L.364/1989 Riconoscimento della Jersey Law

Art. 6 L.364/89 Riconoscimento della Legge che regolamenta e scelta in Trust

L.364/89 Riconoscimento del Trust da Stato Italia

Convenzione Aja artt.2,6,7 e 12 sul riconoscimento del Trust

Artt.11-12 Convezione Aja sulla legge applicabile ai trusts

Art. 328 C.P. Rifiuto di atti d’ufficio da parte di forze dell’ordine o Enti Statali

VIOLAZIONE DEL C.E.D.U. e del D.U.D.U.

VIOLAZIONE TRUST

Art.231 Manuel Apostille

Art.2/5/11/13/16 Costituzione Repubblica Italia e L.176/1991: Tutela dei Diritti del Fanciullo

L.848/1955 ratifica ed esecuzione della Convezione per la salvaguardia dei diritti dell’uomo

Mancata osservanza del riconoscimento del TRUST auto dichiarato come meritevole di tutela

  • Sentenza Cass. civile n. 10105 del 9 maggio 2014,
  • penale del 16 aprile 2015, n. 15804,
  • penale del 3 dicembre 2014 n. 50672,
  • civile del 19 novembre 2012 n. 20254,
  • civile n. 24813/2008,
  • civile del 22 novembre 2011 n. 28363,
  • Cassazione del 26.10.2016 n. 21614,

 

CONVEZIONE DI VIENNA del 18/04/74 MISSIONI DIPLOMATICHE

 

Art.22 violazione degli ambienti, spazi, stanze o terreni e di qualsiasi oggetto o mezzo in essi contenuti ove ha sede la Missione Diplomatica

Art.29 Violazione della Persona dell’agente diplomatico arresto o detenzione o altra forma di ostruzione

 

ARTICOLI INERENTI RESTRIZIONI E LIMITI DI VALICO

  • 3 D.U.D.U. ”Ogni individuo ha diritto alla vita, alla libertà ed alla sicurezza della propria persona”
  • 16 Costituzione Italiana LIBERTA’ DI MOVIMENTO
  • Violazione del C.E.D.U. e della D.U.D.U.
  • Sentenza n.54 del 27 gennaio 2021 Tribunale di Reggio Emilia illegittimità incostituzionale
  • Ordinanza 45986/2020 del Tribunale di Roma sezione 6 civile emesso il 16/12/2020
  • 5 L152/75
  • 414 C.P.    DIVIETO DI TRAVISARE IL VISO IN LUOGO PUBBLICO (DA 1 ANNO A 2 ANNI DI RECLUSIONE)
  • 85 T.U.L.P.S. DA 1.000 A 2.000 DI VERBALE
  • 608 c.p. Abuso di Autorità
  • 610 Codice Penale Libertà Morale

Il bene giuridico oggetto di tutela è la libertà morale, e dunque la libertà psichica, contro ogni turbativa determinata anche semplicemente da attività di disturbo e molestia.

  • 414, 415 e 611 c.p. VIOLENZA PRIVATA E ISTIGAZIONE A DELINQUERE ( 5 ANNI DI RECLUSIONE)
  • 339 AGGRAVANTE se in gruppo (in gruppo/ufficiale/armato 15 anni di reclusione)
  • 323 c.p. abuso di atti di ufficio
  • 5 TRATTATO DI OVIEDO Intervento nel campo della salute non può essere effettuato se non dopo che la persona interessata abbia dato consenso libero ed informato
  • 28 della Costituzione Italiana Funzionari pubblici sono direttamente responsabili penalmente di atti in violazione dei Diritti (farsi dare nome cognome e numero di carta di identità)
  • 605 c.p. sequestro di persona
  • 608 c.p. Abuso di Autorità

 

Art. 3 Carta dei Diritti fondamentali dell’Unione Europea: Ogni individuo ha diritto alla propria integrità fisica e psichica. Nell’ambito della medicina e della biologia devono essere in particolare rispettati: il consenso libero e informato della persona interessata

Articolo 21 – Non discriminazione

  1. È vietata qualsiasi forma di discriminazione fondata, in particolare, sul sesso, la razza, il colore della pelle o l’origine etnica o sociale, le caratteristiche genetiche, la lingua, la religione o le convinzioni personali, le opinioni politiche o di qualsiasi altra natura, l’appartenenza ad una minoranza nazionale, il patrimonio, la nascita, la disabilità, l’età o l’orientamento sessuale.
    2. Nell’ambito d’applicazione dei trattati e fatte salve disposizioni specifiche in essi contenute, è vietata qualsiasi discriminazione in base alla nazionalità

Regolamento CE 953/2021 art. 36 E’ necessario evitare la discriminazione diretta o indiretta…OMISSIS

Art. 9 del DL 52/2021 prevede espressamente l’applicabilità delle norma italiane solo se compatibili con il Regolamento CE 953

Le disposizioni di cui al presente articolo sono applicabili  in

ambito nazionale fino alla data  di  entrata  in  vigore  degli  atti

delegati per l’attuazione delle disposizioni di  cui  al  regolamento

del Parlamento europeo e del Consiglio su un quadro per il  rilascio,

la  verifica  e  l’accettazione  di   certificazioni   interoperabili

relativi alla vaccinazione, ai test e alla guarigione  per  agevolare

la libera circolazione all’interno  dell’Unione  Europea  durante  la

pandemia di COVID-19 che abiliteranno l’attivazione della Piattaforma

nazionale – DGC

Art. 187 del Regolamento del Testo Unico Leggi di Pubblica Sicurezza

Salvo quanto dispongono gli artt. 689 e 691 del codice penale, gli esercenti non possono senza un legittimo motivo, rifiutare le prestazioni del proprio esercizio a chiunque le domandi e ne corrisponda il prezzo.

Codice di Norimberga

  1. Il consenso volontario del soggetto umano è assolutamente essenziale.

Ciò significa che la persona coinvolta dovrebbe avere la capacità giuridica di dare il consenso; dovrebbe essere nelle condizioni di poter esercitare il libero potere di scelta, senza l’intervento di alcun elemento di forza, frode, inganno, costrizione, esagerazione o altra ulteriore forma di costrizione o coercizione

Art. 629 C.P. ESTORSIONE

  1. Chiunque, mediante violenza o minaccia, costringendo taluno a fare o ad omettere qualche cosa, procura a sé o ad altri un ingiusto profitto con altrui danno, è punito con la reclusione da cinque a dieci anni e con la multa da euro 1.000 a euro 4.000

Art 502 CP  BOICOTTAGGIO  

[Il datore di lavoro, che, col solo scopo d’imporre ai suoi dipendenti modificazioni ai patti stabiliti, o di opporsi a modificazioni di tali patti, ovvero di ottenere o impedire una diversa applicazione dei patti o usi esistenti, sospende in tutto o in parte il lavoro nei suoi stabilimenti, aziende o uffici, è punito con la multa non inferiore a euro 1.032.

Art 294 CP ATTENTATI CONTRO I DIRITTI POLITICI 

Chiunque con violenza, minaccia o inganno impedisce in tutto o in parte l’esercizio di un diritto politico(1), ovvero determina taluno a esercitarlo in senso difforme dalla sua volontà, è punito con la reclusione da uno a cinque anni [Cost. 48, 49].

Art. 43 D.L. 286/1998

punto 3. Il presente articolo e l’articolo 44 si applicano anche agli atti xenofobi, razzisti o discriminatori compiuti nei confronti dei cittadini italiani, di apolidi e di cittadini di altri Stati membri dell’Unione europea presenti in Italia.

D.U.D.U.

Articolo 1 Siamo tutti liberi ed uguali

Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti. Essi sono dotati di ragione e di coscienza e devono agire gli uni verso gli altri in spirito di fratellanza.

Articolo 2 Non discriminare

1) Ad ogni individuo spettano tutti i diritti e tutte le libertà enunciate nella presente Dichiarazione, senza distinzione alcuna, per ragioni di razza, di colore, di sesso, di lingua, di religione, di opinione politica o di altro genere, di origine nazionale o sociale, di ricchezza, di nascita o di altra condizione.

2) Nessuna distinzione sarà inoltre stabilita sulla base dello statuto politico, giuridico internazionale del paese o del territorio sia indipendente, o sottoposto ad amministrazione fiduciaria o non autonomo, o soggetto a qualsiasi limitazione di sovranità.

Articolo 3 Diritto alla vita

Ogni individuo ha diritto alla vita, alla libertà ed alla sicurezza della propria persona.

Articolo 4 Nessuna schiavitù

Nessun individuo potrà essere tenuto in stato di schiavitù o di servitù; la schiavitù e la tratta degli schiavi saranno proibite sotto qualsiasi forma.

Articolo 5 Nessuna tortura

Nessun individuo potrà essere sottoposto a tortura o a trattamento o a punizioni crudeli, inumane o degradanti.

Articolo 6 Hai i tuoi diritti ovunque tu vada

Ogni individuo ha diritto, in ogni luogo, al riconoscimento della sua personalità giuridica.

Articolo 7 Siamo tutti uguali di fronte alla legge

Tutti sono eguali dinanzi alla legge e hanno diritto, senza alcuna discriminazione, ad una eguale tutela da parte della legge. Tutti hanno diritto ad una eguale tutela contro ogni discriminazione che violi la presente Dichiarazione come contro qualsiasi incitamento a tale discriminazione.

Articolo 8 Tutti i tuoi diritti sono protetti dalla legge

Ogni individuo ha diritto ad un’effettiva possibilità di ricorso a competenti tribunali nazionali contro atti che violino i diritti fondamentali a lui riconosciuti dalla costituzione o dalla legge.

Articolo 9 Nessuna detenzione ingiusta

Nessun individuo potrà essere arbitrariamente arrestato, detenuto o esiliato.

Articolo 10 Diritto al giudizio

Ogni individuo ha diritto, in posizione di piena uguaglianza, ad una equa e pubblica udienza davanti ad un tribunale indipendente e imparziale, al fine della determinazione dei suoi diritti e dei suoi doveri nonché della fondatezza di ogni accusa penale gli venga rivolta.

Articolo 11 Innocente finché dimostrato

1) Ogni individuo accusato di un reato è presunto innocente sino a che la sua colpevolezza non sia stata provata legalmente in un pubblico processo nel quale egli abbia avuto tutte le garanzie necessarie per la sua difesa.

2) Nessun individuo sarà condannato per un comportamento commissivo od omissivo che, al momento in cui sia stato perpetuato, non costituisse reato secondo il diritto interno o secondo il diritto internazionale. Non potrà deI pari essere inflitta alcuna pena superiore a quella applicabile al momento in cui il reato sia stato commesso.

Articolo 12 Diritto alla privacy

Nessun individuo potrà essere sottoposto ad interferenze arbitrarie nella sua vita privata, nella sua famiglia, nella sua casa, nella sua corrispondenza, né a lesioni del suo onore e della sua reputazione. Ogni individuo ha diritto ad essere tutelato dalla legge contro tali interferenze o lesioni.

Articolo 13 Diritto di libertà di movimento

1) Ogni individuo ha diritto alla libertà di movimento e di residenza entro i confini di ogni Stato.

2) Ogni individuo ha diritto di lasciare qualsiasi paese, incluso il proprio, e di ritornare nel proprio paese.

Articolo 14 Diritto di asilo

1 ) Ogni individuo ha il diritto di cercare e di godere in altri paesi asilo dalle persecuzioni.

2) Questo diritto non potrà essere invocato qualora l’individuo sia realmente ricercato per reati non politici o per azioni contrarie ai fini e ai principi delle Nazioni Unite.

Articolo 15 Diritto alla nazionalità

1) Ogni individuo ha diritto ad una cittadinanza.

2) Nessun individuo potrà essere arbitrariamente privato della sua cittadinanza, né del diritto di mutare cittadinanza.

Articolo 16 Diritto di matrimonio e famiglia

1) Uomini e donne in età adatta hanno il diritto di sposarsi e di fondare una famiglia, senza alcuna limitazione di razza, cittadinanza o religione. Essi hanno eguali diritti riguardo al matrimonio, durante il matrimonio e all’atto del suo scioglimento.

2) Il matrimonio potrà essere concluso soltanto con il libero e pieno consenso dei futuri coniugi.

3) La famiglia è il nucleo naturale e fondamentale della società e ha diritto ad essere protetta dalla società e dallo Stato.

Articolo 17 Diritto di proprietà

1) Ogni individuo ha il diritto ad avere una proprietà sua personale o in comune con altri.

2) Nessun individuo potrà essere arbitrariamente privato della sua proprietà.

Articolo 18 Libertà di pensiero

Ogni individuo ha diritto alla libertà di pensiero, di coscienza e di religione tale diritto include la libertà di cambiare di religione o di credo, e la libertà di manifestare isolatamente o in comune, e sia in pubblico che in privato, la propria religione o il proprio credo nell’insegnamento, nelle pratiche, nel culto e nell’osservanza dei riti.

Articolo 19 Libertà di espressione

Ogni individuo ha diritto alla libertà di opinione e di espressione incluso il diritto di non essere molestato per la propria opinione e quello di cercare, ricevere e diffondere informazioni e idee attraverso ogni mezzo e senza riguardo a frontiere.

Articolo 20 Diritto di pubblica assemblea

Ogni individuo ha diritto alla libertà di riunione e di associazione pacifica.

2) Nessuno può essere costretto a far parte di un’associazione.

Articolo 21 Diritto alla democrazia

1) Ogni individuo ha diritto di partecipare al governo del proprio paese, sia direttamente, sia attraverso rappresentanti liberamente scelti.

2) Ogni individuo ha diritto di accedere in condizioni di eguaglianza ai pubblici impieghi del proprio paese.

3) La volontà popolare è il fondamento dell’autorità del governo; tale volontà deve sere espressa attraverso periodiche e veritiere elezioni, effettuate a suffragio universale eguale, ed a voto segreto, o secondo una procedura equivalente di libera votazione.

Articolo 22 Sicurezza sociale

Ogni individuo, in quanto membro della società, ha diritto alla sicurezza sociale, nonché alla realizzazione, attraverso lo sforzo nazionale e la cooperazione internazionale ed in rapporto con l’organizzazione e le risorse di ogni Stato, dei diritti economici sociali e culturali indispensabili alla sua dignità ed al libero sviluppo della sua personalità.

Articolo 23 Diritti dei lavoratori

1) Ogni individuo ha diritto al lavoro, alla libera scelta dell’impiego, a giuste e soddisfacenti condizioni di lavoro ed alla protezione contro la disoccupazione.

2) Ogni individuo, senza discriminazione, ha diritto ad eguale retribuzione per eguale lavoro.

3) Ogni individuo che lavora ha diritto ad una remunerazione equa e soddisfacente che assicuri a lui stesso e alla sua famiglia una esistenza conforme alla dignità umana ed integrata, se necessario, da altri mezzi di protezione sociale.

4) Ogni individuo ha diritto di fondare dei sindacati e di aderirvi per la difesa dei propri interessi.

Articolo 24 Diritto di giocare

Ogni individuo ha diritto al riposo ed allo svago, comprendendo in ciò una ragionevole limitazione delle ore di lavoro e ferie periodiche retribuite.

Articolo 25 Un letto e cibo per tutti

1) Ogni individuo ha diritto ad un tenore di vita sufficiente a garantire la salute e il benessere proprio e della sua famiglia, con particolare riguardo all’alimentazione al vestiario, all’abitazione, e alle cure mediche e ai servizi sociali necessari; ed ha diritto alla sicurezza in caso di disoccupazione, malattia, invalidità, vedovanza, vecchiaia o in ogni altro caso di perdita dei mezzi di sussistenza per circostanze indipendenti dalla sua volontà.

2) La maternità e l’infanzia hanno diritto a speciali cure ed assistenza. Tutti i bambini nati nel matrimonio o fuori di esso, devono godere della stessa protezione sociale.

Articolo 26 Diritto all’istruzione

1 ) Ogni individuo ha diritto all’istruzione. L’istruzione deve essere gratuita almeno per quanto riguarda le classi elementari e fondamentali. L’istruzione elementare deve essere obbligatoria. L’istruzione tecnica e professionale deve essere messa alla portata di tutti e l’istruzione superiore deve essere egualmente accessibile a tutti sulla base del merito.

2) L’istruzione deve essere indirizzata al pieno sviluppo della personalità umana ed al rafforzamento del rispetto dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali. Essa deve promuovere la comprensione, la tolleranza, l’amicizia fra tutte le Nazioni, i gruppi razziali e religiosi, e deve favorire l’opera delle Nazioni Unite per il mantenimento della pace.

3) I genitori hanno diritto di priorità nella scelta del genere di istruzione da impartire ai loro figli.

Articolo 27 Diritti d’autore

1) Ogni individuo ha diritto di prendere parte liberamente alla vita culturale della comunità, di godere delle arti e di partecipare al progresso scientifico ed ai suoi benefici.

2) Ogni individuo ha diritto alla protezione degli interessi morali e materiali derivanti da ogni produzione scientifica, letteraria e artistica di cui egli sia autore.

Articolo 28 Un mondo libero e giusto

Ogni individuo ha diritto ad un ordine sociale e internazionale nel quale i diritti e le libertà enunciati in questa Dichiarazione possano essere pienamente realizzati.

Articolo 29 Responsabilità

1 ) Ogni individuo ha dei doveri verso la comunità, nella quale soltanto è possibile il libero e pieno sviluppo della sua personalità.

2) Nell’esercizio dei suoi diritti e delle sue libertà, ognuno deve essere sottoposto soltanto a quelle limitazioni che sono stabilite dalla legge per assicurare il riconoscimento e rispetto dei diritti e delle libertà degli altri e per soddisfare le giuste esigenze della morale, dell’ordine pubblico e del benessere generale in una società democratica.

3) Questi diritti e queste libertà non possono in nessun caso essere esercitati in contrasto con i fini e i principi delle Nazioni Unite.

Articolo 30 Nessuno può toglierti i tuoi diritti

Nulla nella presente Dichiarazione può essere interpretato nel senso di implicare un diritto di un qualsiasi Stato, gruppo o persona di esercitare un’attività o di compiere un atto mirante alla distruzione di alcuni dei diritti e delle libertà in essa enunciati.

  • Spazio dedicato per il controllo della documentazione da parte di Enti, Forze dell’ordine ed Ambasciate U.N. 
  • Dedicated space for documentation control by organizations, law enforcement agencies and U.N. Embassies.
  • Espace dédié pour le contrôle de la documentation par les organisations, les forces de l’ordre et les ambassades des Nations Unies.

Ai sensi degli artt. 13 e 14 del Regolamento UE 2016/679 ed in relazione alle informazioni di cui si entrerà in possesso, ai fini della registrazione dei Membri della CNU ( Confederazione Nazione Umana Unita, si intende tutelare i dati personali, le persone fisiche ed i soggetti giuridici dai confederati Amministrati. Inoltre e si informa che i dati forniti  per l’iscrizione quale Membro dell’organizzazione e per il documento di riconoscimento  verranno utilizzati allo scopo e per il fine unico di amministrazione interna dell’Organizzazione. I dati forniti non saranno soggetti nè a comunicazione, nè a diffusione presso terzi: enti, privati, società commerciali o banche  e nemmeno ai membri della CNU stessa.  Il Responsabile del Trattamento dei dati personali è Confederation of the human nation


Pursuant to art. 13 and 14 of EU Regulation 2016/679 and in relation to the information that will come into possession, for the purposes of registration of the Members of the CNU (United Human Nation Confederation, it is intended to protect personal data, natural persons and legal entities from Confederate Administered. Furthermore and we inform you that the data provided for registration as a Member of the organization and for the identification document will be used for the sole purpose and purpose of internal administration of the Organization. The data provided will not be subject to communication, nor dissemination to third parties: entities, individuals, commercial companies or banks and not even to the members of the CNU itself. The person in charge of the processing of personal data is Confederation of the human nation

Translate »
error: Content is protected !!