Si avvicina la stagione secca e torna a crescere la deforestazione nell’Amazzonia brasiliana

Nei primi quattro mesi del 2021 sono andati distrutti 1.157 chilometri quadrati di Amazzonia brasiliana, l’equivalente della superficie di Los Angeles. Si tratta del 4 per cento in meno rispetto all’anno scorso. Dopo tre mesi caratterizzati da un tasso di deforestazione più contenuto rispetto a quello del 2020, però, destano una certa preoccupazione i dati di aprile, con un +43 per cento rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. È quanto emerge dalle rilevazioni preliminari diffuse da Inpe, l’agenzia nazionale per le ricerche spaziali che si occupa anche di monitorare da satellite le condizioni dei polmoni verdi del Pianeta.

Arriva la stagione secca, la più rischiosa per l’Amazzonia brasiliana

Questi numeri divergono rispetto a quelli diffusi da Imazon. Secondo l’istituto di ricerca indipendente, infatti, la deforestazione nell’Amazzonia brasiliana è in aumento da otto mesi consecutivi e a fine marzo superava del 33 per cento i livelli del 2020. Queste discrepanze si possono spiegare con l’adozione di metodi di calcolo differenti, spiega Mongabay.

Resta il fatto che la curva sta tornando a salire proprio mentre si avvicina la stagione secca che dura da maggio a ottobre. Si tratta di un periodo particolarmente critico perché l’assenza di piogge favorisce il propagarsi degli incendi che ogni anno divorano migliaia di ettari di vegetazione. Nel 2020, per esempio, nel solo mese di giugno è andata distrutta una superficie forestale maggiore rispetto a quella dei primi quattro mesi dell’anno messi insieme.

La deforestazione dell'Amazzonia in Brasile
La deforestazione dell’Amazzonia in Brasile © Andressa Anholete/Getty Images

La promessa di Jair Bolsonaro

Anche il presidente del Brasile Jair Bolsonaro ha preso parte al summit globale organizzato dagli Stati Uniti per l’Earth Day 2021. Nell’occasione ha fatto una promessa eclatante: azzerare la deforestazione non autorizzata entro il 2030, il che basterebbe per dimezzare le emissioni dell’intero paese. Chiedendo, al tempo stesso, il sostegno finanziario da parte dell’amministrazione di Joe Biden. La situazione si fa quindi delicata anche a livello politico. “Se la deforestazione tornerà a salire, se vedremo di nuovo incendi in Amazzonia tra agosto e settembre di quest’anno, sarà più difficile per gli Usa continuare le trattative con il Brasile”, ha fatto notare a Reuters Anya Prusa, ricercatrice del Wilson center di Washington.

Chi è l'autore:
Raccontaci qualcosa di te.

Partecipa!

Cosa aspetti?
La confederazione della Nazione Umana Unita è aperta a tutti

Commenti

Ancora nessun commento
Translate »