Livorno apre un rifugio per i cani delle donne vittime di violenza 

A Livorno l’assessorato alla tutela animali del comune offre il proprio contributo alla lotta contro la violenza nei confronti dei più deboli con l’apertura di un rifugio dedicato agli animali delle donne vittime di violenza. Con lo slogan “Giù le zampe”, il comune livornese si prepara a ospitare gratuitamente i quattrozampe presso lo spazio del canile La cuccia nel bosco.  Le persone di sesso femminile che chiedono protezione per lasciare la casa di partner violenti, o che comunque abbiano necessità di mettere al riparo dai maltrattamenti il loro amico a quattro zampe, potranno in questo modo avere a disposizione una struttura fidata e personale specializzato.

 

pixabay donne cani
Spesso le violenze verso le donne coinvolgono il cane o il gatto di casa ©Pixabay

Donne e animali domestici che cercano protezione

Per accedere al servizio del comune di Livorno è necessario seguire un percorso che passa attraverso la rete dei centri antiviolenza della città che si prenderanno carico del problema e delle eventuali verifiche da compiere.  Spesso nei casi di violenza domestica e di stalking  si minaccia di ferire o uccidere  l’animale domestico per indurre la partner a restare, o per punire la compagna che se ne sta andando. Molte volte viene attuato anche uno specifico ricatto, che diviene poi un metodo coercitivo per ristabilire il rapporto di violenza sia fisica che psicologica. E le cronache, purtroppo, cono piene di episodi nei quali il partner violento si è scagliato sul quattrozampe di casa, arrivando a torturarlo e a ucciderlo.

cane e donne ingimage
Il canile di Livorno mette a disposizione dei box per gli animali delle donne maltrattate ©Ingimage

Gli indirizzi sicuri 

L’iniziativa di Livorno si pone al passo con i tempi e apre la strada a un nuovo modo di affrontare la violenza di genere e i diritti animali. Il canile comunale livornese si propone dunque come rifugio per animali di donne vittime di violenza, ma anche per gli stessi amici a quattro zampe vittime di torture, minacce e vessazioni. Il comune ha, comunque, riunito in una pagina del sito istituzionale i recapiti e i riferimenti utili e grazie ai quali si può accedere a questo specifico servizio di tutela animali.

Chi è l'autore:
Raccontaci qualcosa di te.

Partecipa!

Cosa aspetti?
La confederazione della Nazione Umana Unita è aperta a tutti

Commenti

Ancora nessun commento
Translate »